LA DIFESA PERSONALE E’ SEMPLICE….

3 Motivi importanti per cui dovresti rendere le tue azioni e le tue re-azioni  sempre più semplici!

Detta cosi può sembrare facile …. anzi “semplice” eh…    

Dopo tutto, uno dei motti che gira di più sulle pubblicità dei corsi di difesa personale è qualcosa tipo :

“Semplice- Diretto – Efficace” 

E fin qui nulla di male,  solo che il più delle volte l’approccio utilizzato per la maggiore non sempre risulta esserlo.

Mi spiego meglio con  un esempio pratico.

Prendi un pugile,  non necessariamente un professionista ma anche un medio pugile con qualche annetto di Boxe ed ora prendi un praticante di arti marziali qualsiasi,  con gli stessi anni di pratica per esempio… 

In una situazione di aggressione reale,  chi sarà più pronto e reattivo nell’agire???

Non fraintendermi leggi bene… non voglio fare la classica domanda da sfigatello delle arti marziali su chi o su quale stile sia più efficace, ma ho chiesto

“Chi potrebbe essere più pronto e reattivo nello scontro?”

Ovviamente è assodato che l’efficacia è data dalla persona e non dallo stile, ma c’è un fattore importantissimo che fa si che la risposta propenda pesantemente verso il pugile e sta proprio nella domanda che ho fatto.

Mi riferisco proprio alla reattività, alla prontezza di reazione, alla versatilità,  data  dalla semplicità con cui utilizza le sue poche  armi.

Parliamoci chiaro però….. non facciamoci pippe mentali inutili.

Un buon 1-2 di un pugile spegne con tranquillità le lampadine di qualsiasi praticante di arti marziali o di sistemi di sistemi militari che dir si voglia, senza se e senza ma.

Si è vero… magari il pugile ha delle distanze dove può essere apparentemente più limitato rispetto ad un più completo marzialista di qualsiasi sistema, ma continuiamoci a parlare senza prenderci in giro….

Siamo davvero sicuri che il marzialista canonico sia capace di applicare tutto il suo ganzo arsenale di tecniche in una situazione di aggressione reale? 

Davvero la media dei praticanti o insegnanti di arti marziali riuscirebbe  ad applicare quello che pratica, predica ed   insegna in palestra,  riportati in una condizione estrema e   sotto una elevata pressione psico-fisica come nel caso in cui si ha di fronte uno o più persone che vogliono far loro la pelle?

Personalmente  ho riscontrato che in realtà, in una situazione di  aggressione reale, se un marzialista riesce    ad applicare contro una persona non  collaborativa e disposta seriamente a far del  male  il 5% di quello che pratica  è già tanto e si deve ritenere già fortunato.

Inversamente invece, un medio pugile non ha problemi ad applicare interamente  ed efficacemente  tutto il suo arsenale senza troppe difficoltà.

Cosa crea questo divario cosi enorme allora ?

Ecco….

La differenza sta proprio nella semplicità, nell’essenzialità e nella praticità dei mezzi,  degli strumenti e delle dinamiche  utilizzate, che combinate con un allenamento scientifico finalizzato  a sviluppare continuamente le proprie capacità anche sotto pressione,  fanno di questo approccio un metodo di combattimento efficacemente intramontabile.

“Era cosi 100 anni fa, è cosi ora e sarà cosi anche per i prossimi 100”

3 Consigli  allora mi sento di darti:

  1. Fa si che la Boxe sia almeno il 50% del tuo allenamento (Tutti i marzialisti dovrebbero praticarla per dirsi efficaci).
  2. Allena il restante 50% allo stesso modo in cui alleneresti la tua Boxe (Lavora sempre e costantemente sulle tue basi e sviluppale).
  3. Sopperisci le tue mancanze tecniche con pochissime semplici tecniche  ed allenale allo stesso modo con cui alleneresti il tuo  1-2 pugilistico.

 

Se questo articolo ti è piaciuto  condividilo tra i tuoi contatti, in più, mi farebbe piacere avere la tua opinione e confrontarmi con te nei commenti qui sotto.

Per ora ti saluto e ti do appuntamento al prossimo articolo.

Al tuo miglioramento

Antonello

 

Comments

comments

8 risposte a “LA DIFESA PERSONALE E’ SEMPLICE….”

  1. Condivido quanto detto nell’articolo. E’ quello che ho sempre pensato in tutti questi anni di pratica marzialistica , avvertendo sempre questo gap e, cercando di colmarlo parzialmente allenandomi al sacco, quando possibile.

  2. Sono Pienamente d’accordo infatti io dico sempre che se costretti dobbiamo essere determinati con poco ma efficace tutto il resto lasciamolo per le manifestazioni di pura esibizione sporttiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *