SPOSTAMENTI: 3 Modi per migliorarli

Sapevi che il Footwork, (spostamenti) è la chiave del successo in ogni tua azione soprattutto in un contesto armato? 

 

Il miglior modo per evitare un attacco è non farsi trovare nel posto in cui l’attacco arriverà!”        diceva  B. Lee.

 

Avere un buon footwork  non è solo una competenza utile e NECESSARIA ad evitare ed  eludere uno o più colpi a mano nuda o a mano armata,  o tentativi di presa e atterramento, etc , etc…

Avere un eccellente lavoro di gambe significa divenire un abile, se non eccellente combattente in tutte le sue sfumature  poichè ti permette di gestire meglio il tempo e lo spazio intorno a te.

Lascia che ti chieda questo se non ti dispiace…

  1. Quanta importanza dai personalmente  al Footwork?
  2. Quanto basi le tue abilità o quelle dei tuoi allievi se sei un insegnante,  su un buon lavoro di gambe?
  3. In che modo alleni  e quanto tempo dedichi all’allenamento dell tuo footwork?

 

Un buon lavoro agli spostamenti dovrebbe comprendere almeno il 50% di tutta la pratica a prescindere da quale stile o sistema di combattimento tu pratichi.

 E’ fondamentale che tu sappia che  senza una buona gestione degli spostamenti,  ogni altra tecnica o strategia,  sia essa difensiva che offensiva non ha nessun motivo di esistere.

Ma soprattutto, nella maniera più assoluta devi comprendere che senza un’eccellente capacità di spostamento,  non pensarci nemmeno di poter gestire un’aggressione armata,  sia essa con lame, o corpi contundenti, o qualsiasi altra tipologia di arma.

 

Ma capiamo meglio perchè,  il tuo footwork può essere quell’elemento che raddoppia la tua efficacia:

1  

1)  La potenza dei tuoi colpi e delle azioni del tuo  aggressore dipendono in buona parte dal tuo footwork.  

“Una buona capacità di spostamento permette  di aumentare la trasmissione del tuo peso e detta tua potenza nelle tue azioni massimizzandone l’impatto, ed allo stesso tempo  ridurre drasticamente la potenza delle azioni del tuo aggressore, dissolvendo la sua forza.

 

2)  Entrare  o uscire da una distanza di in base alle tue necessità ed uscire dalle traiettorie di attacco.  

Mantenere la propria zona di sicurezza   uscendo  fuori dalle traiettorie e dalle linee di fuoco,  conquistare un angolo favorevole sia per destrutturare e sferrare colpi più sicuri e potenti, sia per non essere colpiti a propria volta togliendo tutti i riferimenti al proprio aggressore. 

La maggior parte dei praticanti, degli insegnanti troppo spesso danno per scontato il lavoro di gambe, dando più risalto ad altri esercizi o combinazioni tecniche, mentre invece si dovrebbe continuamente prestare attenzione al modo in cui ci si muove, alle traiettorie su cui ci si muove. perchè dal footwork dipendono fattori come  la:

  • MOBILITA’
  • STABILITA’
  • ESPLOSIVITA’
  • TEMPISTICA
  • PRESSIONE

 

Ma vediamo ora   3 consigli utili a migliorare  la capacità di spostamento:

  1. Mantieni  una postura raccolta e compatta, con le ginocchia ben flesse ed il peso distribuito a metà su entrambi i metatarsi,   evitando posizioni statiche o con peso  troppo su una gamba o posture troppo alte, cosi dà sfruttare appieno le catene cinetiche del corpo nei tuoi movimenti e la pressione dal suolo che ti conferisce maggiore esplosività nei passi.
  2. Abituati a cambiare continuamente lato del corpo nelle tue azioni ed a passare repentinamente   da destra a sinistra e viceversa in maniera del tutto automatica ed istintiva… In uno scontro reale, NON hai certamente il tempo di scegliere il lato che più ti e comodo.
  3. Usa geometrie ben precise nei tuoi spostamenti che ti siano utili ad economizzare  i tempi ed ottimizzare la posizione del tuo corpo rispetto a quella del tuo aggressore.

Non spostarti soltanto per  evitare un colpo,  ma ogni movimento che fai ti deve permettere di posizionarti in un angolo che ti dia un netto vantaggio nei confronti di chi ti attacca, rendendogli difficile la possibilità di replicare dopo il primo attacco.

In  quest’ottica,  le geometrie più funzionali sono i triangoli e i cerchi.

I triangoli ed i movimenti diagonali ti permettono di muoverti fuori dalla linea di fuoco avanzando o indietreggiando, in base alla necessità, posizionandosi sempre in una zona d’ombra.

 I cerchi invece ti consentono  una volta uscito fuori traiettoria,  di continuare ad attaccare le aree più esposte e vulnerabili del tuo aggressore comodamente non consentendogli la possibilità di difendersi.

In questo modo avrai la possibilità una volta uscito dalla traiettoria di trovarti alle spalle del tuo aggressore e capisci da solo il vantaggio che hai sia per colpire e fuggire sia per immobilizzarlo.

 

In questa immagine puoi vedere un piccolissimo esempio molto semplice che è alla base di tutti gli spostamenti.

>>Esercizio “BONUS” per te<<<

Prima di lasciarti voglio farti un’altro regalo, dandoti un’esercizio molto valido che utilizzo con molto successo nelle mie classi,  utile per sviluppare una buona reattività negli spostamenti, legata ad un buon colpo d’occhio.

L’esercizio in questione ovviamente si articola su vari livelli di intensità e difficoltà, ma in questo caso partiamo dal primissimo approccio, certo che già questo ti potrà essere molto utile.

  • Mettiti in posizione eretta ed a ginocchia rilassate di fronte al tuo compagno di pratica, alla distanza di un braccio, e lo stesso fa fare a lui…
  • Il tuo compagno di allenamento dovrà portarti un attacco improvviso, alternando  a suo piacimento, tra  colpi di mano, gomiti, colpi di calcio,  ginocchia, testa, coltellate improvvise, spinte e coltellate improvvise.
  • Tu semplicemente concentrati ad uscire  sulle diagonali a 45° di volta in volta,  cercando di  posizionarti all’esterno dell’attacco. Per iniziare le tue braccia potranno collocarsi a copertura,  ma senza interagire con l’attacco, proprio per costringere le gambe a sviluppare tempestività negli spostamenti improvvisi.

 

Arrivati qui ti ringrazio dell’attenzione che mi hai dedicato, ti saluto augurandoti buon allenamento al tuo  footwork!

Di spunti te ne ho dati per lavorarlo 😉

Al prossimo articolo ed al tuo miglioramento!.

 

 

 

 

 

 

 

Comments

comments

4 risposte a “SPOSTAMENTI: 3 Modi per migliorarli”

    1. Grazie di cuore Diego, mi fa veramente molto piacere!!! Resta sintonizzato perchè a brevissimo usciranno dei nuovi articoli e contenuti video per il lettori del blog e gli iscritti alla newsletter 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *